• Italy
  • International
  • United Kingdom
  • Australia
  • United States
  • China
  • Vietnam
  • Germany
  • animalasia.lang_fr
  • Hong Kong (繁)
  • Hong Kong (EN)

In diretta: Salvataggio di orsi in corso nella provincia vietnamita di Thanh Hoa

07 marzo 2014

Vietnam, 07 marzo 2014: i rappresentanti del Bear Rescue Centre di Animals Asia in Vietnam (VBRC) si sono recati nella provincia di Thanh Hoa per liberare due orsi della luna.

I due esemplari, un maschio e una femmina, illegalmente trasportati dal Laos al Vietnam, erano stati confiscati nel 2012. Molto probabilmente erano destinati a finire in Cina oppure ad alimentare il mercato nero della bile di orso in Vietnam. È verosimile che la loro madre sia stata uccisa dai bracconieri.

Dopo il ritrovamento i due orsi sono stati condotti alla riserva naturale di Xuan Lien e accuditi grazie anche all’assistenza della German Society for International Cooperation (GIZ) e al Dipartimento di Protezione Forestale del Vietnam (FDP).

L’intenzione iniziale l’era quella di reinserire i cuccioli nella foresta, ma le condizioni di salute del maschio hanno modificato i piani. Dato che l’orso soffriva di problemi ai reni e sanguinava a causa di una cataratta, si è deciso di portarlo al Bear Rescue Centre di Animals Asia in Vietnam (VBRC), situato nella provincia di Tam Dao. Qui gli orsi vengono riabilitati e possono beneficiare di costanti cure veterinarie.

Il VBRC ha grande esperienza nel gestire situazioni analoghe, anche di orsi ciechi. Dopo una prima valutazione medica a Thanh Hoa, gli orsi viaggeranno per 240 km con destinazione finale la riserva naturale di Tam Dao, dove sono attesi in serata, ora locale. 

Il direttore di Animals Asia in Vietnam, Tuan Bendixen, ha dichiarato:

“Siamo immensamente grati al Dipartimento di Protezione Forestale di Thanh Hoa per la loro vigilanza e alla riserva naturale di Xuan Lien della GIZ per il loro sostegno ai cuccioli. Non vediamo l’ora di prenderci cura di questi cuccioli, assicurandoci che crescano in salute e circondati da un ambiente protetto. Loro non conosceranno mai l’orrore delle fattorie della bile.”

 

 


INDIETRO