Aggiornamento: terremoto in Sichuan

22 aprile 2013

Lo staff di Animals Asia continua a monitorare la situazione all’interno della riserva naturale di Chengdu, colpita da un violento terremoto lo scorso sabato 20 aprile intorno alle ore 8.00. Sono in corso accertamenti per individuare eventuali aree di intervento in tutta la provincia del Sichuan.

Il sisma e le relative scosse di assestamento hanno, secondo le ultime notizie, causato oltre 200 vittime. I feriti, di cui molti in gravi condizioni, sarebbero più di 10.000, mentre 30.000 uomini sono in azione per prestare i primi soccorsi.

Il centro di Animals Asia di Chengdu dista meno di 160 km da Ya’an, l’area più danneggiata. Come emerso nel comunicato emesso sabato mattina, il personale e gli orsi sono illesi. A eccezione di alcune recinzioni, parzialmente compromesse, la struttura non è stata danneggiata. La numerose scosse di assestamento non hanno avuto alcuna conseguenza.

Ulteriori accertamenti hanno confermato che anche il personale che risiede nella regione colpita è illeso. Lo staff, che ha eseguito il protocollo per le emergenze, ha provveduto a verificare le condizioni degli orsi e della struttura. La tenuta della diga Zhi Ping Pu, a monte del vicino fiume Pi, è stata motivo di preoccupazione. Per fortuna l’argine non ha ceduto.

Mentre vengono prestati i primi soccorsi, Animals Asia sta verificando la possibilità di intervenire in alcune aree. In occasione del disastroso terremoto del 2008, abbiamo salvato oltre 100 cani, alcuni dei quali affidati alle nostre cure dai proprietari rimasti senza una casa. Una scuola veterinaria situata nella zona più colpita ci conferma che c’è abbastanza personale qualificato sul posto. Tuttavia, c’è bisogno urgente di cibo per cani, trasportini, medicinali e vaccini anti-rabbia. Animals Asia sta inviando finanziamenti alle associazioni locali per consentire l’acquisto di beni di prima necessità. A causa delle condizioni delle vie di comunicazione, le autorità hanno invitato i cittadini e i soccorritori a non mettersi in viaggio se non indispensabile. Animals Asia sta organizzando un cordone umanitario sulla via per Ya’an per consentire il trasporto di generi di assistenza.

Al momento, stiamo sfruttando la rete e i social network per dare istruzioni ai proprietari di animali nelle aree colpite per assistere al meglio chi ha bisogno di aiuto. Siamo in contatto con gli zoo per sollecitare accertamenti immediati alle recinzioni.

Jill Robinson, fondatrice di Animals Asia, ha dichiarato:
“Il centro è sopravvissuto al suo secondo terremoto, lo staff è incolume e anche gli orsi sono illesi. I controlli effettuati fino ad ora hanno confermato che non ci sono stati morti, feriti e nessun danno significativo alla struttura. Lo staff si è comportato egregiamente, rispondendo all’emergenza prontamente e con la calma, professionalità e solidarietà dovute.

“Adesso dobbiamo concentrare l’attenzione su chi è stato colpito dal sisma e offrire supporto dove necessario, alla luce dell’esperienza maturata in passato. Questo è un momento critico, i danni sono incalcolabili e diffusi su un’area molto estesa. Siamo vicini a tutti coloro che sono stati coinvolti da questa tragedia, alle loro famiglie e amici.”


Per maggiori informazioni sul terremoto:

China Daily: Live Report
The Guardian: Video Footage of the Earthquake
BBC: In Pictures: Sichuan Quake
South China Morning Post: Aftershocks from Sichuan Earthquake Pose Threat
South China Morning Post: Ya’an Earthquake blog: Day 2


INDIETRO